Formula 1 in Messico, vince Rosberg, 2° Hamilton, disastro Ferrari: Kimi e Vettel ko

Il tedesco Nico Rosberg (sulla Mercedes) ha vinto il Gp del Messico, terz’ultima prova mondiale. Sul circuito di Città del Messico ha preceduto l’altra Mercedes di Lewis Hamilton e la Williams di Valtteri Bottas, portagonista di un incidente che ha messo ko il connazionale Kimi Raikkonen dlela Ferrari. Quarta e quinta le due Red Bull di Kvyat e Ricciardo. Anche Vettel – dopo varie peripezie – è finito contro un muretto e ha dovuto ritirarsi in un pomeriggio infernale per le rosse di Maranello.

 

Mai così disastrose quest’anno le Ferrari

Partenza subito a handicap per Sebastian Vettel. Il ferrarista al via ha un contatto con Daniel Ricciardo che gli procura una foratura alla ruota posteriore destra. È costretto a completare il primo giro e a rientrare ai box per il cambio.

Dopo l’incidente a Sebastian Vettel in partenza (foratura e rientro ai box), tocca a Kimi Raikkonen fare i conti con la sfortuna: al 23° giro un contatto tra Bottas e Raikkonen (come già successo in Russia, i finlandesi in pista non si amano) manda anzitempo ai box il ferrarista, costretto al ritiro per la rottura della sospensione posteriore destra.

Dopo Raikkonen, si ritira anche Sebastian Vettel, al secondo testacoda in corsa, questa volta letale: al 52° giro il tedesco perde il controllo della macchina e termina la sua corsa contro le barriere. Vettel sperava di restare al secondo posto nella classifica del mondiale piloti, ma il suo sogno ieri si è appannato. Il ferrarista perde, infatti, il secondo posto in classifica in favore di Rosberg: 272 punti contro 251. Non tutto, comunque, da questo punto di vista, è ancora perduto.

 

Arrivabene: “Per noi una lezione importante”

None ra bella la faccia di Maurizio Arrivabene mentre le rosse inanellavano un disastro dopo l’altro. Ma il suo commento post-gara è, come al solito, lucido.

“Quella di oggi – afferma – è una lezione di umiltà. Abbiamo toccato il cielo con un dito ma poi siamo finiti per terra come è accaduto oggi.Ma la squadra c’è ed è motivata. Siamo in Formula 1 e certe cose possono capitare, la squadra ha mostrato di essere in giornata per cambiare ieri il motore lavorando fino a questa notte, fino a quando ce l’hanno consentito.

Oggi i piloti hanno avuto più problemi di quelli che dovevano. Da questa lezione dobbiamo partire e guardare avanti, oggi abbiamo visto quello che non dobbiamo fare”, coclude Arrivabe guardando al futuro: “La macchina era molto forte visti i tempi sul giro”. Sulla frase via radio con cui Vettel ha chiesto scusa alla squadra per la giornata no, il team principal della Ferrari commenta, sereno: “Sebastian non deve chiedere scusa così come noi non dobbiamo chiederla a lui. Lo ripeto dobbiamo ripartire da qui per non ripetere gli stessi errori”.

Ritorno in messico dopo 23 anni

Dopo 23 anni un Gran premio di Formula 1 torna in Messico, anche se ormai c’è in palio soltanto il secondo posto conteso da Vettel su Ferrari a Nico Rosberg  su Mercedes, che stasera alle 20 partirà in Pole position (diretta su Sky Formula 1).

Del resto la prima fila è tutta Mercedes. Rosberg ha conquistato la pole position precedendo il compagno di squadra e già campione del mondo Lewis Hamilton.

Terza posizione per la Ferrari di Sebastian Vettel. Quarto posto sulla griglia del Gp del Messico per la Red Bull di Kvyat davanti al compagno di squadra Ricciardo ed alle Williams di Bottas e Massa. Ottava posizione per la Toro Rosso di Verstappen che ha preceduto le Force India di Perez e di Hulkenberg.

aaaaferrari

Vettel: “Speravo andasse meglio”

”Speravamo di essere un po’ più vicini ma non ce l’abbiamo fatta”: dice Sebastian Vettel che non è felice del suo terzo posto in griglia nel Gp del Messico ma per la gara non si pone limiti. E, infatti, le Ferrari hanno dimostrato nelle libere di andare benissomo sul “passo gara”, tenendo a lungo velocità elevatissime.

”È stato difficile, le ho provate tutte. Loro erano più veloci ma chissà cosa succederà domani. Il circuito è divertente e – aggiunge il pilota tedesco delle Ferrari nel corso della conferenza Fia trasmessa da Sky – domani sarà una gara entusiasmante”.

Invece Nico Rosberg racconta così la sua pole position: ”Sono stato il più veloce in entrambe le sessioni e – afferma il pilota tedesco della Mercedes – sono riuscito a fare un ottimo giro”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto