Vasco, share oltre il 36% per il concertone su Rai1: “Tempesta perfetta”

“È stata la tempesta perfetta”. Così Vasco Rossi definisce, il giorno dopo, la lunga e magica serata al Modena Park per i suoi 40 anni di carriera. “È una grandissima soddisfazione. Ma soprattutto devo sempre grazie a questa mia ‘combriccola’ pacifica che ha invaso Modena, capitale del rock per un giorno. Abbiamo portato un po’ di gioia”, ha aggiunto ancora la rockstar la cui soddisfazione è anche per i milioni di visualizzazioni delle foto su Facebook della marea umana che ha invaso il parco Ferrari.

Rivolta social contro Bonolis

Rivolta social invece durante la diretta di Paolo Bonolis su Rai1 dal Modena Park dedicata al concerto per i 40 anni di carriera di Vasco Rossi. I fan non hanno apprezzato le continue interruzioni del concerto, ma la trasmissione “La notte di Vasco” è stata premiata dagli ascolti, staccando di gran lunga ogni programma concorrente e registrando su ben 5.633.000 telespettatori, con uno share del 36,14% , che ha consegnato al programma di Bonolis una decisa vittoria nel prime time.

“Tramessi 28 brani su 38”

In proposito è intervenuto Gianmarco Mazzi, responsabile per Rai1 del programma: “Il progetto editoriale in tv si è basato su 28 dei 38 brani eseguiti a Modena Park dall’artista, tutti i più importanti, per i quali gli organizzatori dell’evento hanno concesso i diritti di trasmissione televisiva, avendo riservato alla proiezione nei cinema la versione integrale del concerto”.

Ligabue: “Complimenti Vasco, complimenti Modena”

Nel day after arrivano anche i complimenti, via social, di Luciano Ligabue che sulla sua pagina FB scrive: “Complimenti Vasco, complimenti Modena”. Che sia sotterrata lascia di guerra brandita tempo fa, quando rocker di Zocca?

Vasco, 40 anni di leggenda rock: il concerto dei record, le notizie del 2 luglio 2017

La storia della musica ha fatto tappa a Modena. Al Modena Park, dove Vasco Rossi ha festeggiato 40 anni di amore con il palco, con il pubblico, con le emozioni. Davanti a una marea umana di oltre 220 mila persone, che ne hanno fatto così il concerto dei record, quello con più spettatori paganti al mondo. Nessuno mai come lui. Modena. Perché tutto è cominciato qui. Con il primo concorso canoro vinto a 10 anni, con il primissimo concerto, che lui non ricorda neanche più.

Una carriera unica

Proprio da qui si riparte, per chiudere un cerchio, per fare il punto di una carriera unica, ma anche per andare avanti, perché il Komandante alla sua combriccola lo ha già detto più volte: a fermarsi non ci pensa proprio. Quaranta canzoni per quaranta anni. Una galoppata lunga tre ore e mezzo, maestosa e imponente. Come il palco largo 130 metri. E come i 1500 metri quadri di schermi in movimento che permettono anche ai più lontani di godere di uno spettacolo che più che sugli effetti speciali punta tutto su Vasco, sulle sue canzoni, su una storia da celebrare non solo come successo di un artista, ma anche come rito collettivo.

La scaletta della serata

È iniziato con Colpa d’Alfredo il concertone di Vasco Rossi a Modena. Seguono Alibi, Blasco Rossi, Bollicine, Ogni Volta, Anima Fragile (in duetto con Gaetano Curreri), Splendida Giornata, Ieri ho sgozzato mio figlio. A seguire, un primo medley con Delusa, T’immagini, Mi piaci perché e Gioca con me. Poi ancora Vivere una favola, Non mi va, Cosa vuoi da me, Siamo soli, Come nelle favole, Vivere, Sono innocente, Rewind, Liberi liberi, Il tempo crea eroi, Una canzone per te, L’una per te, Ridere di te, Va bene va bene, Senza parole, Stupendo, Gli spari sopra, Sballi ravvicinati del terso tipo, C’è chi dice no, Un mondo migliore, I soliti, Sally, Un senso, Siamo solo noi, Vita spericolata, per finire con Albachiara. Per un totale di 39 canzoni, che attraversano tre generazioni: anni ’80, ’90 e 2000. Su Rai1 la diretta.

Cancelli aperti in anticipo

Aperti in anticipo i cancelli per l’ingresso al Modena Park 2017 i Vasco Rossi per festeggiare i 40 anni di carriera. All’alba i primi dei 220.000 fan attesi hanno iniziato a posizionarsi sotto il palco. “Nel weekend”, spiega il Comune di Modena, “un’ordinanza concede l’autorizzazione d’apertura ai dehors e pubblici esercizi, bar, ristoranti, chioschi, pizzerie al taglio e simili durante l’intera giornata e tutta la notte, fino al giorno successivo al concerto”.

Il dramma di un quarantenne

Un quarantenne è morto all’ospedale di Baggiovara (Modena), dove era stato ricoverato per un malore verso le 6 di questa mattina. L’uomo è stato soccorso dai sanitari del 118 all’interno di un camper in via Newton, non lontano dall’area del Modena Park, e secondo le prime ipotesi stava probabilmente attendendo il concerto di Vasco Rossi. È deceduto per quello che con ogni probabilità è stato un infarto.

Gli altri malori della giornata

Non sono mancati altri malori. Medici e paramedico impegnati ad assicurare assistenza sul campo hanno soccorso in due giorni circa 700 persone. Oggi il maggior numero di interventi ha riguardato persone disidratate, anche per la carenza di acqua, creatasi a fine pomeriggio nei punti ristoro, prima che la Protezione Civile iniziasse una distribuzione straordinaria.

In allestimento i maxi schermi

Per chi deve raggiungere la città confermata la chiusura di Modena Nord, mentre sono aperti i caselli di Modena Sud, Valsamoggia e Campogalliano. In piazza Grande e piazza Roma è iniziato l’allestimento dei grandi schermi che trasmetteranno in diretta il concerto. Nelle piazze le modalità di accesso e svolgimento saranno all’insegna dei recenti dispositivi per la sicurezza.

“Una festa contro la paura”

“Questa è una festa contro la paura, non cambieremo le nostre abitudini. Il nemico è la paura e noi non abbiamo paura”. Parole di Vasco Rossi, pronunciate ieri sera, giovedì 29 giugno, al soundcheck del Modena Park, un evento per fedelissimi del Blasco e residenti della zona del concerto dei record di domani, dove sono attese 220.000 persone. Frasi accolte da un lungo applauso sia degli oltre 10.000 spettatori presenti alle prove generali al parco Ferrari a Modena.

Riserbo sulle prove

Il soundcheck di Vasco è stato un concerto vero e proprio, cominciato intorno alle 21 e finito dopo la mezzanotte. Il rocker ha eseguito i grandi classici della sua quarantennale carriera, ma l’organizzazione chiede il massimo riserbo sullo spettacolo andato in scena per non rovinare l’effetto sorpresa riservato per l’evento di domani.

Le segnalazioni di Autostrade per l’Italia

Vasco è pronto, il conto alla rovescia è (quasi) finito. E così, in previsione della carica dei 220.000 che sabato arriveranno a Modena per assistere al concerto da record mondiale del Blasco, anche Autostrade per l’Italia si prepara e avverte i fan-viaggiatori della chiusura di alcune uscite sulla A1.

Sulla Milano-Napoli

Per quanto riguarda la Milano-Napoli, infatti, “è previsto un grande afflusso di pubblico” avverte la società. E “in accordo con la prefettura di Modena, in occasione del ‘Vasco Modena Park’ che si svolgerà la sera di sabato 1° luglio al Parco Ferrari di Modena”, la stazione di “Modena nord sulla A1 Milano-Napoli sarà chiusa. Ecco orari e modalità”.

In entrata e in uscita

In uscita, per chi proviene da Bologna, dall’una di sabato alle 14 di domenica mentre per chi viene da Milano, dalla mezzanotte di sabato fino alle 14 di domenica. L’entrata, invece, chiuderà in tutte le direzioni, dall’una alla mezzanotte di sabato. In alternativa, si consiglia di utilizzare le stazioni di Modena sud, Valsamoggia oppure Campogalliano, sulla A22 Brennero-Modena.

Le alternative

Si consigliano le seguenti ulteriori stazioni di uscita: sulla A1 Milano-Napoli, Terre di Canossa-Campegine e Reggio Emilia; sulla A14 Bologna-Taranto, Bologna Borgo Panigale; sul Raccordo di Casalecchio, Bologna Casalecchio; sulla A13 Bologna-Padova, Bologna Interporto, Altedo e Ferrara nord. I percorsi alternativi che coinvolgono la viabilità ordinaria sono disponibili sul sito del comune di Modena.

Il 1° luglio stop anche ai funerali, chiusi i cimiteri

“Troppo traffico, niente funerali sabato”. Non solo gli esami di maturità, ma si fermano pure le esequie nella Modena presa d’assalto dai fan di Vasco Rossi per il concertone di sabato prossimo. Chiusi anche i cimiteri dal pomeriggio del 30 giugno alla mattina del 2 luglio, giorno in cui, a partire dalle 15.30, sarà di nuovo possibile celebrare funerali.

La situazione del treni

Per chi vuole lasciare la città, sono ormai esauriti i posti sui 22 treni regionali straordinari che Trenitalia ha istituito nella notte tra l’1 e il 2 luglio per il deflusso dei fan e al momento difficile stimare i tempi per l’accesso alla stazione di Modena. Accesso che sarà consentito, in base ai biglietti, a ridosso con le partenze.

Il 1° luglio non pioverà, da venerdì chiuso Modena Nord

Sempre più frenetici i preparativi per il concertone con cui Vasco Rossi festeggerà il prossimo 1° luglio i 40 anni di carriera. Le ultime riguardano i parcheggi. Il numero 17 Modena Fiere (viale Virgilio, 70/90) non ha più disponibilità per bus. Sono già completi anche i parcheggi 3 – zona via delle Suore (via delle Suore, 236), il 12 (via D’Avia Sud angolo strada Fonte S. Geminiano) e il 18 – Palazzo dello Sport (via dello Sport, 29).

Lo spettacolo in onda sulla Rai

Sabato 1 luglio dalle ore 20.40 andrà in onda su Rai 1, sul sito e sull’app Raiplay, una diretta da Modena condotta da Paolo Bonolis, ma lo spettacolo sarà ripreso solo in parte e alcune canzoni non saranno trasmesse in tv. Radio ufficiale dell’evento è Radio Italia.

Il concertone si salva dalla pioggia

Nonostante i rivolgimenti del tempo che si stanno verificando alla vigilia, il concertone di Vasco dovrebbe svolgersi tranquillamentre senza una goccia di pioggia. Secondo ilmeteo.it il 1° luglio sarà giornata prevalentemente serena, temperature comprese tra 14 e 27°C.  Durante la giornata “la temperatura massima verrà registrata alle ore 15 e sarà di 27°C, la minima di 14°C alle ore 6.  L’intensità solare più alta sarà alle ore 13”.

 

Alle 24 del 30 giugno alle 21 del 1° luglio chiude Modena Nord

 

Dalla mezzanotte di venerdì 30 giugno e fino alle 21 di sabato 1° luglio, il casello di Modena Nord potrà essere utilizzato solo dai veicoli provenienti da nord in uscita verso la città.

Negli stessi giorni e orari non potrà quindi essere utilizzato per l’ingresso autostradale in uscita da Modena.
I veicoli provenienti da sud dovranno uscire al casello di Modena Sud o a quelli precedenti.
 
Inoltre, nella notte tra sabato 1 e domenica 2 luglio, in fase di deflusso dei veicoli in uscita dalla città, il casello di Modena Nord sarà utilizzato solo in uscita. Saranno attive quattro piste d’ingresso all’autostrada con distribuzione manuale dei biglietti per velocizzare le operazioni.

Divieti di sosta
Dalle 8 di mercoledì 28 giugno fino a venerdì 7 luglio sarà vietata la circolazione stradale su viale Italia da via Emilia ovest a via San Faustino, esclusi i veicoli di soccorso e di servizio tecnico urgente. Sarà  vietata la sosta con rimozione su entrambi i lati del viale nello stesso tratto. Sempre dalle 8 di mercoledì 28 giugno ma fino alle 14 di domenica 2 luglio sarà vietata la sosta con rimozione, escluso i veicoli di soccorso e di servizio tecnico urgente, in via Viterbo dal civico 50 al civico 60 e in via Attiraglio dal civico 1 al civico 4A. Sarà inoltre consentito l’utilizzo da parte di pedoni e velocipedi su tutte le piste ciclabili e ciclopedonali del territorio.
Nelle giornate di giovedì 29 e venerdì 30 giugno, e di sabato 1 e domenica 2 luglio sono previste limitazioni in un’area più estesa, che saranno comunicate nei prossimi giorni.

20.000 gli arrivi previsti in treno, 7 ore per defluire
Per permettere ai 20.000 che usufruiranno del treno di defluire dopo lo spettacolo è stato previsto uno specifico piano di gestione e, secondo il Comune, occorreranno mediamente sette ore, con un ripristino della condizione di normalità intorno alle ore 8 di domenica 2 luglio.
Sulla base delle richieste potranno essere previsti treni speciali aggiuntivi rispetto a quelli già definiti.
Isolata l’intera area della stazione

Per la gestione in sicurezza dello spostamento di un così alto numero di persone che graviteranno in zona stazione per diverse ore dopo il concerto, l’intera area comprendente piazza Dante, via Galvani (a nord di viale Monte Kosica) e la porzione di viale Crispi adiacente verrà isolata e sezionata per separare fisicamente gli accessi nelle due direzioni di marcia. I treni verso Bologna partiranno dal primo binario per evitare l’incanalamento nel sottopasso per il flusso più consistente; viceversa quelli verso Reggio-Parma partiranno dagli altri binari e il flusso di utenti potrà raggiungerlo attraverso l’accesso ovest della Stazione e il sottopasso.
L’incanalamento dei viaggiatori nelle due direzioni avverrà a ridosso dell’intersezione tra via Galvani e viale Monte Kosica e consentirà l’accesso alla piazza, e di conseguenza alla Stazione, delle sole persone che avranno la possibilità di salire sul primo treno disponibile per la propria direzione fino al raggiungimento della capacità massima.

 

Le notizie del 24 giugno: il concerto dei grandi numeri

È il concerto dei grandi numeri quello che Vasco Rossi terrà a Modena sabato 1° luglio al parco Ferrari per celebrare i suoi 40 anni di attività. Sono attesi 220.000 fan, ma la città emiliana sta predisponendo misure eccezionali per accoglierli: dai 44.000 parcheggi ai 500 bagni chimici. È arrivata, infine, la conferma ufficiale della Rai. Il concertone sarà trasmesso in diretta su Ra1, nella notte dl primo luglio, con la conduzione di Paolo Bonolis, grande amico di Vasco.

Ecco tutte le informazioni utili per affrontare il mega evento del rocker di Zocca.

L’abc del concerto

Vasco Modena Park, questo il titolo del concertone, inizierà alle ore 20.45, ma i cancelli saranno aperti già alle ore 9 per permettere ai fan di accedere all’area. Il parco Ferrari sarà raggiungibile solo a piedi e il flusso sarà indirizzato sia dai parcheggi che dalla stazione. Non sono previste navette.

Quattro gli ingressi: A, Viale Italia angolo Via Emilia; B, Viale Italia angolo Strada San Faustino; C, Viale Autodromo angolo Strada San Faustino; D, Viale Autodromo angolo Via Emilia.

Prima di mettersi in viaggio per il concerto, conviene leggere il regolamento di accesso che, tra le altre cose, vieta di portare oggetti potenzialmente pericolosi come bastoni per selfie, ombrelli, bombolette spray, caschi, armi, laser, bottiglie, lattine, passeggini, attrezzature da campeggio, sedie pieghevoli.

All’interno dell’area saranno montati schermi per permettere a tutti di seguire il concerto. Inoltre, sono previsti punti di nebulizzazione per rinfrescare il pubblico.

Il Comune e Hera, l’azienda dei rifiuti, hanno predisposto misure adeguate per la raccolta differenziata.

Se non siete tra i fortunati che saranno al parco Ferrari, allora potete seguire il concerto in uno dei 94 cinema in tutta Italia che lo trasmetteranno in diretta. I biglietti sono disponibili sul circuito Vivaticket.

Il concerto potrebbe concludersi “on the beach” se va in porto l’operazione messa in campo da Comune di Rimini, Regione e Apt insieme ad alcuni imprenditori. L’idea è di trasmettere il concerto in streaming sulla spiaggia e poi aspettare l’arrivo della band di Vasco alle prime luci dell’alba per concludere la serata e intonare la celebre hit.

Negozi aperti (se vogliono) 24 ore per tre giorni fino alla mezzanotte del 2 luglio

Dalle ore 20 di giovedì 29 giugno alla mezzanotte di domenica 2 luglio gli esercizi di vendita e somministrazione di cibi e bevande potranno restare sempre aperti. In città sono attese migliaia di persone già da giovedì 29, giornata della prova ufficiale del concerto, e per questo la giunta del Comune di Modena ha deciso di derogare ai consueti orari di apertura di esercizi pubblici come, per esempio, dehors, chioschi, pizzerie al taglio, rosticcerie e kebab per garantire adeguati servizi di ristorazione e di somministrazione di alimenti e bevande fino al giorno successivo al concerto. Dalle 24 di domenica 2 luglio saranno ripristinati gli orari consueti per ciascun tipo di esercizio.

Il Codacons accusa il Secondary ticketing

Il “secondary ticketing” non risparmia neanche il concerto di Vasco, nonostante la battaglia al fenomeno condotta nei mesi scorsi dallo stesso rocker di Zocca.

La denuncia arriva dal Codacons, che attraverso una nota fa sapere di aver trovato, sui siti di vendita secondaria, biglietti per l’evento a prezzi altissimi, “che raggiungono i 2.634 euro per il settore Pit1”.

“Questo significa – è spiegato nella nota dell’associazione dei consumatori – che i tagliandi di ingresso, venduti sul canale ufficiale a 75 euro, vengono piazzati con rincari di oltre il 3.400%, ricarichi abnormi e vergognosi che sfruttano la passione dei giovani per la musica”.

Dopo le denunce dei mesi scorsi, che hanno portato la Procura di Milano ad aprire un’inchiesta sul “secondary ticketing”, il Codacons ha quindi presentato “un nuovo esposto alla magistratura milanese in cui si chiede “di estendere le indagini anche al concerto di Vasco Rossi”.

 

Oltre 350 operatori di Polizia Municipale impegnati per la sicurezza

Saranno oltre 350, di cui circa 200 provenienti da altre città, gli operatori della Polizia municipale impegnati in occasione del concerto, con turni straordinari che inizieranno dal tardo pomeriggio di venerdì 30 giugno.

A questi si aggiungono, tra gli altri, diverse decine di tecnici comunali dei Lavori pubblici, operatori dei Servizi sociali e tecnici informatici del Ced portando il totale del personale comunale a superare quota 400.

 

I compiti della Polizia municipale
Alla Polizia Municipale spetta la gestione delle viabilità generale e della grande viabilità di accesso alla città, la tutela dei percorsi di soccorso e di quelli ciclopedonali, in supporto ai volontari della Protezione Civile, e il controllo dei percorsi di collegamento tra le sedi delle forze dell’ordine e le postazioni di soccorso. Nel Piano operativo predisposto dal Comando della Polizia Municipale sono previste anche misure strutturali a salvaguardia dell’incolumità delle persone e l’estensione del sistema di videosorveglianza cittadino (sei telecamere sono state installate nel tratto via Bacchini, palazzo Europa, parcheggio parco Ferrari, via Emilia ovest, via Amundsen e sullo stesso asse è stato installato un ulteriore varco via Emilia Ovest/via Zanfi che si aggiunge a quello già esistente all’incrocio con via Autodromo).
Oltre al potenziamento dell’attività di Pronto intervento e Infortunistica stradale, la Polizia Municipale sarà inoltre impegnata nella prevenzione e nel contrasto dell’abusivismo, commerciale e della contraffazione.

44.000 i posti auto disponibili

Oltre 1000 per moto, 400 per camper e diverse centinaia per pullman. I parcheggi in 22 aree, sia pubbliche che private, saranno disponibili almeno dalla mezzanotte di venerdì 30 giugno e fino alle 16 di domenica 2 luglio, in alcuni casi l’orario è invece più esteso. I posti auto ammontano in totale a circa 44.000. Tutti i parcheggi saranno disponibili almeno dalla mezzanotte di venerdì 30 giugno e fino alle 16 di domenica 2 luglio Non è previsto un servizio di navette, né aree di carico e scarico. Dalle 19 del 30 giugno e fino alla domenica mattina saranno impegnati centinaia di volontari della Protezione civile insieme agli operatori della Polizia municipale per regolare il traffico.

Questa la mappa predisposta dal Comune di Modena.

Parcheggio bici nell’anello Novisad e parcheggio disabili al Passo Mecan

Le bici potranno essere parcheggiate nell’anello asfaltato del Novisad, in una zona dedicata e transennata. Il parcheggio non sarà custodito e l’ingresso sarà libero, ma non è necessario possedere il biglietto dello spettacolo.

Lo spazio di Passo Mecan messo a disposizione da Esercito e Accademia militare, invece, sarà interamente occupato dal parcheggio riservato ai disabili che hanno prenotato lo specifico biglietto del concerto e stanno ricevendo comunicazioni personalizzate su come raggiungere l’area di sosta. Anche nel Novisad è prevista un’area di sosta riservata ai disabili che, con i propri accompagnatori, potranno raggiungere il varco di accesso allo spettacolo che si trova sulla via Emilia, angolo viale Italia.

Al Novisad verranno collocati anche 50 bagni chimici, metà dei quali attrezzati anche per disabili.

In treno

Trenitalia ha predisposto tre speciali da e per Modena in occasione del concerto. Tre i collegamenti nazionali e numerose corse aggiuntive nella notte per raggiungere varie città soprattutto dell’Emilia Romagna. I treni speciali per raggiungere Modena sono tre: uno da Venezia, uno da Torino e l’altro da Roma, tutti con diverse fermate programmate. La partenza è intorno alle 16 e il ritorno è previsto nella notte: alle 4.10 per Venezia (partenza da Modena alle 2), alle 5.35 per Torino (partenza da Modena all’1.50), alle 6.10 per Roma (partenza da Modena alle 2.10).

Dalla stazione di Modena prevista anche la partenza di due treni per Sassuolo (all’ 1.35 e alle 3) e di altri treni in direzione Bologna e Reggio.

Per Bologna all’1.15 (regionale), all’1.45 (Tper), alle 2.45 (regionale), alle 3.15 (Tper), alle 3.45 (regionale), alle 4.15 (regionale, arrivo a Bologna alle 4.39 e prosegue per Rimini ordinario alle 5). Alle 2.15 parte da Modena un treno di Tper per Rimini (arrivo alle 3.55).

In direzione Reggio i treni partono all’1.00 (Tper), alle 2.00 (regionale) alle 2.25 per Parma (regionale, ferma alle 2.43 a Reggio), alle 3.00 (regionale), alle 3.30 per Parma (ferma alle 3.45 a Reggio).

L’accesso alla stazione sarà riservato alle persone già in possesso del biglietto per il Frecciabianca o per un regionale valido per viaggiare da Modena il 2 luglio.

500 bagni chimici in centro e nell’area della stazione ferroviaria

Saranno circa 500 i bagni chimici mobili, inclusi quelli attrezzati anche per disabili, che verranno installati nel centro cittadino di Modena e nell’area della stazione ferroviaria. I servizi, noleggiati dal Comune per una spesa di circa 48.000 euro, si aggiungono a quelli a cui stanno provvedendo gli organizzatori.

Per la notte del concerto viene ampliato fino alle 3 della domenica l’orario di apertura dei servizi igienici pubblici di Piazza 20 settembre, dei Giardini ducali e del Novisad.

I bagni chimici si trovano in piazza Matteotti (50), in piazza Mazzini (26), in via Montecuccoli (200), in via Monte Kosica (50 all’altezza di via Galvani, 120 sul lato sud) e nell’area del Novisad (50 sul lato tribuna).

Dove dormire

Gli alberghi hanno registrato da tempo il tutto esaurito, ma a Modena ci sono 2 aree camping private dove è possibile fermarsi. Inoltre, sul sito dell’Ufficio informazione e accoglienza turistica è possibile consultare altre proposte per alloggiare.

Notte prima degli esami

Vasco Rossi ferma anche gli esami di maturità. L’amministrazione comunale ha annunciato un’ordinanza che “riguarderà la scuola per consentire la chiusura del 1 luglio con le commissioni di esame, come è emerso da una riunione convocata dall’ufficio scolastico, che programmeranno gli orali saltando la giornata di sabato”.

Inoltre, il Comune sta predisponendo altre ordinanze, come quella che vieta la vendita di superalcolici, sia nell’area dello spettacolo sia nell’area esterna al parco Ferrari e nel centro storico, così come quella che vieta la vendita di bibite in contenitori in vetro e lattine sia nell’area del concerto (dove i controlli all’ingresso ne impediranno anche l’introduzione) sia nel resto della città. Intanto il Comune ha concesso una deroga  al divieto di vendite promozionali nel mese precedente l’avvio dei saldi, permettendo appunto tre giorni di vendite promozionali: sabato 24, giovedì 29 e venerdì 30 giugno.

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto