Da Angelina Jolie a Gwyneth Paltrow: tutte le bufale delle diete vip

“Perdono peso prima di ogni film, riconquistano una forma ottimale dopo le gravidanze, tutte hanno un fisico mozzafiato: le stelle del cinema sono l’esempio da seguire per ottenere un fisico perfetto”. Questo è lo slogan, da me riassunto brevemente, di un simpatico servizio che giorni fa ho avuto la fortuna di vedere in televisione. Il gioioso conduttore ci teneva a sottolineare come le avvenenti donne del mondo dello spettacolo si affidassero a diete e a severi regimi alimentari per stare al top. Elencava anche, più o meno scrupolosamente, quale vip seguisse un determinato stile alimentare.

Le star e le loro diete

Ora farò un breve quanto opportuno riassunto:

  • Gwyneth Paltrow e Madonna seguono la dieta macrobiotica da alcuni mesi;
  • Uma Thurman e Demi Moore la crudista;
  • Kate Middleton e Jennifer Lopez la Dukan;
  • Miranda Kerr la liquida;
  • Reese Witherspoon il “supermatbolismo”;
  • Jennifer Aniston e Kirsten Dunst l’alcalina;
  • Megan Fox, Angelina Jolie e Lady Gaga la “5.2”.

Le leggende che circolano su bellezza e cibo

Molto bene, tutto “simpatico”, ma diciamo che di scientifico quel servizio non aveva quasi nulla. Partendo da un principio fondamentale: madre natura è stata molto generosa con tutte le star sopraelencate. È vero che devono tenersi in forma, è vero che evitano molti eccessi, ma è altrettanto vero che se guadagni milioni di euro per girare un film e durante la tua giornata devi curare il tuo fisico, il compito è di certo più semplice. Ma a prescindere da valutazioni personali sulle varie attrici citate, che Megan Fox sia una delle donne più belle del mondo non lo dico solo io credo, le “diete” che vengono proposte non sono di certo tra le migliori.

La “non dieta” macrobiotica

La macrobiotica è a tutti gli effetti una “non dieta”: abbraccia le culture orientali basandosi sul principio dello Yin e lo Yang, la scelta dei cibi quindi si basa sullo stesso criterio, quelli acidi-Yin, quelli alcalini-Yang. Scientificamente non ha alcuna garanzia di successo, né tanto meno di ripristino del benessere psichico. Diciamo che è limitata ai fan della cultura orientale mentre i principi di una sana e corretta alimentazione non dovrebbero essere basati su tendenze filosofiche e culturali. Praticamente è una divinazione, non una dieta.

Tante le insidie per i crudisti

La crudista a mio avviso è quanto di più vicino alla follia ci possa essere. Non me ne vogliano le belle Uma Thurman e Demi Moore, ma nel 2015 non cuocere alcun tipo di cibo (divieto tassativo) perché rallenterebbe la digestione è un dato decisamente errato. Per non parlare del punto di vista igienico: la crudista è un disastro. Parassiti, muffe e batteri a volontà. Inoltre, da testimonianze dirette di chi l’ha provata, induce molto spesso dolore intestinale, rigidità addominale e meteorismo. Insomma il contrario di quello che ti aspetteresti da una dieta.

La Dukan rischia di mandare ko reni e fegato

Di Dukan non vorrei neanche parlare ma sprecherò due righe: la sua dieta iperproteica è estremamente dannosa per i reni e per il fegato, non consente assunzione di carboidrati per un lungo periodo di tempo (perché?) e demonizza alcuni alimenti in maniera arbitraria. Ah, nel 2012 è stato radiato dall’Ordine dei Medici.

La liquida: disintossica, ma dopo 4 giorni stop

La dieta liquida si può seguire per non più di quattro giorni, non contiene i valori nutritivi e le fibre per una sana alimentazione. Considerate che è consigliata per i regimi post operatori di chirurgia bariatrica o per le persone affette da patologie intestinali. È buona per depurarsi, ma di certo non è consigliata a lungo termine.

La scomodità della alcalina se si fa vita regolare

L’alcalina e il super metabolismo sono tipi di dieta molto particolare, non sono dannose e anzi provocano dei benefici (se seguite bene) ma diciamo che per chi lavora con orari stabiliti e non ha molto tempo da dedicare al pranzo è alquanto scomoda. Fermarsi al bar e chiedere: “Mi elenca i cibi alcalinici per cortesia?” è molto indicato per ricevere risposte di dubbio gusto.

Il piccolo difetto della dieta 5.2

La dieta 5.2 è la “migliore” tra quelle che il tenace giornalista ci ha proposto. Ne ho scritto un articolo poco tempo fa, su benefici e qualche piccolo difetto. Ma varrebbe la pena di tentare, si articola in 5 giorni di “normalità” e due di “digiuno” a 500 kcal per le donna e 600 per gli uomini.

Regimi alimentari per la vita reale

Insomma, gli attori di Hollywood sono belli, famosi, ricchi e sexy. Hanno cuochi personali, personal trainer privati, tempo da dedicare al loro corpo e un’inestimabile dose di buona sorte per essere nati con quell’aspetto. Non ci scoraggiamo noi, per carità, ma magari i regimi alimentari da seguire non dovrebbero essere gli stessi che Megan ha usato per girare le Tartarughe Ninja.

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto