Le “mele gay” non piacciono a un parroco, restituita la tessera Coop

Sono bastate due mele di colore diverso in una pubblicità per far infuriare un parroco toscano al punto di fargli restituire la sua tessera alla Coop.

Decisamente un’esagerazione, visto che la pubblicità che pubblichiamo è bella nella sua semplicità.

Ma, secondo Il Tirreno, don Francesco Ricciarelli, parroco alla Serra di San Miniato (Pisa), è andato alla Coop di San Miniato Basso, riconsegnando la tessera e chiedendo di essere cancellato dall’elenco dei soci, perché non ha gradito il claim “Qualunque sia la tua famiglia la Coop sei tu”.
Il parroco si è fatto sentire anche su Facebook: “Mi chiedo cosa spinga un supermercato a prendere posizione su questioni altamente divisive e perdere così una parte di clienti”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto