“Bambini è meglio se non mangiate i funghi”: i consigli della Principessa

“C’erano una volta una principessa, un giullare e un guardaboschi. E dei funghi, belli da vedere ma non sempre buoni da mangiare”: è l’avvio della favola educativa che gli esperti del Centro Antiveleni dell’Ospedale Niguarda di Milano hanno realizzato per insegnare ai più piccoli i pericoli dei funghi, in vista della stagione di raccolta.

E su questo tema hanno incontrato, nei giorni scorsi, i giovani visitatori di Expo, nell’ambito degli incontri di Vivaio Scuole promossi dal Ministero della Salute.

 

aaaafungidue

Gli errori che non si devono fare

Le dottoresse Francesca Assisi e Franca Davanzo hanno spiegato ai ragazzi “perché è fondamentale conoscere bene i funghi per poterne apprezzare la bellezza ed evitare di mangiarne di pericolosi e velenosi”. La favola creata dal Centro Antiveleni  racconta quello che accade anche nella vita reale, sottolineando gli errori dei personaggi e il ruolo di chi è in grado di regalare il lieto fine.

 

aaafunghiuno

La principessa raccoglitrice improvvisata

La principessa rappresenta “una raccoglitrice improvvisata di funghi, molto ingenua, che si fida troppo dei consigli di presunti esperti, rischiando di consumare funghi mortali”.

 

Il giullare dà cattivi consigli

Poi c’è chi, come il giullare Saltellino, dà cattivi consigli: “è un personaggio molto pericoloso, perché superficiale: crede di sapere tutto sui funghi ma in realtà non è esperto per niente”. Per fortuna, però, c’è anche chi, come il guardaboschi, “rappresenta il micologo, vero esperto di funghi, che controlla la loro commestibilità e consiglia come prepararli correttamente”, assicurando che la raccolta si svolga in tutta sicurezza.

E per fortuna gli Ispettori Micologi non esistono solo nelle favole: lavorano nelle Asl, e attraverso un servizio gratuito sono sempre in grado di controllare tutti i funghi raccolti dagli appassionati per giudicare quali sono pericolosi, e quali invece sono tranquillamente commestibili. Un servizio che molti potrebbero non utilizzare perché convinti di essere già esperti: ma come insegna la favola, la superficialità può essere molto pericolosa.

 

Vanno sempre mangiati ben cotti

Gli specialisti danno anche alcuni consigli per la raccolta e la preparazione dei funghi: non vanno mai raccolti in aree sospette d’inquinamento, come ad esempio lungo le arterie stradali; vanno sempre mangiati ben cotti, perché da crudi sono scarsamente digeribili, se non addirittura velenosi.

 

I bambini farebbero bene a evitarli comunque

È meglio, poi,  che non mangino funghi i bambini, le donne in gravidanza, le persone con intolleranze a particolari farmaci o persone affette da particolari patologie.

 

Vedere se quelli in negozio hanno l’etichetta

Infine, è bene essere scrupolosi anche con i funghi freschi acquistati in negozio: “Prima dell’acquisto bisogna verificare sempre che la cassetta o l’involucro abbiano un’etichetta che attesti il controllo micologico dell’Asl; e nel caso non ci sia, si consiglia di non acquistare il prodotto e di segnalare il fatto agli organi preposti al controllo degli alimenti”.

 

Nota: i disegni sono tratti dalla “Favola educativa” del Centro antiveleni del Niguarda.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto