100 ragazze e ragazzi, una stalla nel bosco e tanto tantissimo studio: ci credete?

100 ragazzie e ragazzi, 5 professori, 4 bagni, una stalla in mezzo al bosco, 7 camere e 3 giorni di puro studio.
Così mi è stata presentata la cosa. La mia reazione? Neanche morta. Peccato che ora mi trovi in un pullman diretta a Bologna dopo, appunto, 3 giorni di puro studio e… Sì ok lo ammetto, tantissimo divertimento.

È stata una delle mie più care amiche a convincermi, devo dire l’unica di cui mi fido al punto da accettare un viaggio che si presenta con pessime carte come questo.
La partenza era prevista alle 11 all’autostazione di Bologna. Sono arrivata  con la mia cara mamma carica il doppio di me all’idea che io partissi e ho raggiunto l’unica persona che conoscevo in mezzo a un gruppo enorme di persone.

Una volta sul pullman le cose sono subito migliorate, c’erano tutti ragazzi da balotta (cioè adatti a fare gruppo e amicizia facilmente) e professori ancora più da balotta dei ragazzi. Abbiamo cantato a squarciagola per buona parte del viaggio, abbiamo giocato a carte da bravi vecchietti e fatto foto con facce stupide o video dove facevamo il richiamo degli antichi rettili (insegnerò a farlo anche a voi tranquilli).

Una volta arrivati ci siamo subito messi a studiare tutti insieme, il bello era che io ero una delle più piccole e perciò – se avevo bisogno in qualche materia o non capivo qualcosa – oltre ai professori c’erano le ragazze e i ragazzi più grandi che potevamo aiutarmi.

L’unica pecca era il cibo che, per una brava ragazza a dieta come me, non era esattamente l’ideale. C’era la pasta seguita da carne (sembrava cucinata da un gorilla ubriaco) e un po’ di insalata con più olio che altro.
Nuove conoscenze? Tante e belle. Ero in camera con 8 ragazze di cui due canadesi con cui ho legato tanto e con cui sono stata molto felice di parlare consolidando il mio inglese.

Queste, però, non sapevano quasi niente di italiano e perciò ci siamo divertite, dicendo loro  che per esempio valigia si dice cetriolo e cetriolo si dice valigia (non ti preoccupare mamma, alla fine del viaggio abbiamo detto loro la verità).100

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto