Ictus: la prevenzione passa da frutta, verdura e olio extravergine

Frutta e vegetali, in particolare agrumi, mele, pere e verdure a foglia. E poi olio extravergine di oliva, omega 3 contenuti nel pesce, fibre, vitamina B6 e B12. La prevenzione dell’ictus cerebrale, seconda causa di morte a livello mondiale e la cui mortalità rischia di raddoppiare entro il 2020 a causa dell’invecchiamento della popolazione, inizia a tavola, da alcuni cardini della dieta mediterranea a cui è importante attenersi sin da piccoli.

aaavezzali

Possono essere prevenuti nell’80% dei casi

A ricordarlo è Alice Italia Onlus, Associazione per la lotta all’ictus cerebrale, che dedica il mese di aprile proprio alla prevenzione di questa malattia, possibile nell’80% dei casi, e darà vita a diverse iniziative di sensibilizzazione e di informazione con una testimonial d’eccezione, la schermitrice Valentina Vezzali (nella foto sopra).

“Rischio ridotto fino al 32%”

“Con campagne informative come ‘Aprile mese della prevenzione'”, spiega Francesco Gaballo, vicepresidente dell’associazione, “intendiamo ridurre l’incidenza dell’ictus cerebrale e migliorare la qualità della vita delle persone colpite”. In particolare un incremento di circa 200 grammi al giorno di alimenti salubri fa diminuire il rischio ictus rispettivamente del 32% e dell’11%”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto