Cara Anna, mi sono rifatta il seno e il mio uomo non mi tocca da 3 mesi

Cara Anna,
qualche anno fa mi sono rifatta il seno. Era un desiderio che avevo da quando, ragazzina, ho capito che mentre a mia sorella il seno cresceva e lei diventava bella e prosperosa, io ero piatta come un asse. I miei due fratelli mi presentavano agli amici chiamandomi “la sorella scarsa” e io volevo sparire. Così ho deciso di rivolgermi alla chirurgia: l’intervento è riuscito proprio bene e mi son sentita meglio, anche se può sembrare una stupidaggine. Non credo di essere una donna superficiale né frivola, ma non ho vergogna nel dichiarare che per me avere un seno adeguato alla mia figura ha fatto la differenza rispetto alla mia autostima.

Finalmente mi innamoro di un lui, lui s’innamora di me e abbiamo anche una buona intesa sessuale. Non commenta il seno rifatto e dopo tre mesi di rapporto glielo dico, perché non ho capito se lo ha capito o no. Non l’aveva capito, dato che l’intervento è perfetto e la notizia lo raffredda. Mi dice che continua ad amarmi, ma che il seno finto gli ha spento il desiderio. E così non facciamo l’amore da tre mesi…
Claudia

aaapavi

Cara Claudia,
ho sempre pensato che la psicologia si è sempre tanto occupata dei problemi con papà e mamma e poco dei rapporti tra fratelli e sorelle, che invece hanno molta importanza nella formazione della personalità di un individuo. Chissà se senza le battutacce di tuo fratello ti saresti accettata con più facilità? Non lo sapremo mai. Ma veniamo alle tue tette molto belle e al tuo lui… raffreddato.

Può bastare una Tachipirina o ci vuole qualcosa di più forte? Non voglio biasimare quest’uomo che continua ad amarti perché capisce che l’amore è basato su altre cose, ma è disorientato dal senso di finzione provocato dalla chirurgia estetica. Stiamo parlando poi di un ambito molto irrazionale, come quello della sessualità.

Sai che anch’io fatico a farmi un’opinione? Bello naturale e bello fatto dalla chirurgia: mi sfugge, lo ammetto, quel qualcosa che fa la differenza, ma sento che c’è. E allora ti faccio una provocazione da censura. Se si scoprisse che Rocco Siffredi, famoso super dotato dalla natura, è stato anche lui gonfiato? In realtà aveva un pistolino piccino picciò e le sue sorelle lo deridevano, così a forza di silicone è diventato quel che è. Se si sapesse insomma, che quel coso lì è finto, gli farebbero fare la pubblicità delle patatine o delle prugne secche?

Io credo che le alternative siano due: o si abbandona la cultura dell’apparire in cui ci siamo ficcati, oppure si deve imparare ad accettare la finzione come parte della realtà. Anche il tuo amore, se davvero è amore, si renderà conto che quel seno è una parte di Claudia, della donna che ama e come sia venuto fuori non è importante.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto